lunedì 28 gennaio 2013

Strudel di mele

Adoro lo strudel di mele... l'ho fatto tantissime volte, ma mi sono resa conto di non averlo mai messo nel blog! non so il perchè.. ma questo mi ha "costretta" a rifarlo per fotografarlo! ^_^
A differenza delle altre volte ho provato a inserirci uno strato di pan grattato rosolato nel burro.. buonissimo eh.. però forse asciuga un pochino il ripieno, ma era comunque da leccarsi i baffi... sarà che io adoro veramente qualsiasi cosa in cui ci siano le mele!

ah.. con queste dosi mi è venuto uno strudel gigante  (35 x 14 cm).. anche se non ci sono stati molti problemi a finirlo visto che è stato spazzolato in un giorno.

Ingredienti

1 rotolo di pasta sfoglia
750 gr  di mele golden
80 gr di pan grattato
60 gr di burro
50 gr di zucchero semolato
50 gr di uvetta sultanina
50 gr di pinoli
scorza di un limone grattugiata
q.b. cannella in polvere
q.b. marmellata di albicocche
q.b. rum
1 uovo per spennellare/sigillare


- Mettere l'uvetta sultanina in ammollo nel rum per circa 10 minuti.

- Sbucciare le mele e tagliare a pezzetti a cubetti non troppo piccolini e metterli in ammollo in una ciotola con l'acqua gelata.. per non farle annerire.

- In una padella mettere il pan grattato con il burro e far rosolare, mescolando, fino ad ottenere un composto sabbioso.

- Scolare bene l'acqua dalle mele e nella stessa ciotola aggiungere la scorza di limone, i pinoli, la cannella in polvere e l'uvetta scolata e ben strizzata.
Mescolare bene con un cucchiaio in modo da far amalgamare le mele a tutto il resto.

- Prendere la pasta sfoglia e trasferirla su un foglio di carta da forno più grande di quello dato in dotazione. Assottigliare la pasta con il mattarello (se tonda fatela diventare leggermente ovale)... io l'ho fatto perché secondo me quando si compra è troppo spessa e poi quando è sottile diventa anche più elastica e si piega meglio.

- Spennellare la pasta sfoglia con un velo di marmellata di albicocche.. arrivate fino ai bordi che poi ci aiuterà nella fase di incollaggio tra i lati.

- Stendere su tutta la superficie della pasta sfoglia il composto sabbioso di burro e pan grattato fino a 2 cm circa dai bordi.

- Prendere le mele amalgamate con tutti gli altri ingredienti e rovesciarle al centro della pasta sfoglia a formare una montagnola nel senso della lunghezza.

- In una ciotolina sbattere un uovo e spennellare i bordi lasciati liberi dal pan grattato e procedere con la chiusura dello strudel... prima unendo i lati lunghi... poi quelli corti.

Siccome facendo così avrete le chiusure a vista è sicuro quasi al 99% che in cottura lo strudel si aprirà e il ripieno invaderà la teglia.
Per evitare questo disastro... perché VOGLIAMO EVITARE QUESTO DISASTRO... ho messo un foglio di carta da forno sopra lo strudel (un altro foglio è sotto.. l'avete messo vero???)... vi ho appoggiato sopra la teglia capovolta e poi afferrando con due mani "teglia- carta forno sopra - carta forno sotto" ho fatto un movimento RAPIDISSIMO e ho capovolto tutto.
Risultato? Abbiamo tutte le nostre chiusure di sotto e si può star tranquilli che durante la cottura il nostro strudel non diventerà improvvisamente BLOB! ^_^

- Spennellare la superficie di tutto lo strudel con l'uovo precedentemente sbattuto.

Ho visto che molti prima di infornare fanno dei tagli sulla superficie dello strudel per farlo "sfiatare" in cottura e probabilmente per evitare che esploda.
Sinceramente io non l'ho mai mai fatto e non mi si è mai mai rotto..... culo?.... fortuna?

- Cuocere nel forno caldo ventilato a 200° per 30 - 40 minuti... fare la prova stecchino (anche se può sembrare inutile) per verificare che la sfoglia sia bella croccante, ma allo stesso tempo che le mele dentro siano sufficientemente cotte/morbide.

- Per consumarlo aspettare che diventi tiepido (altrimenti ci si ustiona) e per chi vuole spolverare la superficie con zucchero a velo.



Ah! se poi uno vuole proprio esagerare e fare le cose come vanno fatte... lo strudel si deve può accompagnare con un ciuffetto abbondante cucchiaio di panna montata messo vicino alla fetta nel piattino!




Buon lunedì.........

....... ma soprattutto buono strudel!




venerdì 18 gennaio 2013

Tortini margherita senza zucchero

La settimana scorsa morivo dalla voglia di preparare un dolcetto.. mi mancava proprio sentire il profumino che esce dal forno.. infilare lo stuzzicadenti per vedere se è pronto.. e aspettare che si raffreddi per assaggiarlo e finirlo.. emh.. mangiarne giusto una fettina! ^_^

Purtroppo avevo pochissimo tempo, ma per fortuna avevo la scorta di prodotti S.Martino che mi hanno inviato come collaborazione e ho scelto di fare la Torta Margherita senza zucchero, ma sotto forma di tortini così che per colazione ognuno avesse il suo... e poi volevo usare questo stampo che non uso mai e mi piace tantissimo, quindi sono usciti dei profumatissimi "tortini".

Questo preparato fa parte della linea "Gustati la linea! senza zucchero" dedicata a tutti coloro che vogliono seguire una dieta senza però rinunciare al piacere di un buon dolce.
Lo zucchero è sostituito dal maltitolo che è un dolcificante naturale ipocalorico che riduce notevolmente le Kcal rispetto al tradizionale zucchero... e diciamo che dopo le feste è l'ideale!!
Ah! Di questa linea S.Martino senza zucchero c'è anche il preparato per Cheese cake, quello per il Salame al cioccolato e molti altri..






Ingredienti per 6 tortini
(o per una torta di 24cm circa)

preparato per Torta Margherita
senza zucchero S.Martino

3 uova
120 ml di olio di semi di arachide








Prepararli è davvero semplicissimo!
basta seguire le istruzioni sul retro della confezione e avrete un dolce soffice, gustoso e leggerissimo..

- Versare in una terrina il preparato della busta.

- Aggiungere le uova e l'olio di semi.

- Mescolare con un cucchiaio di legno per 5 minuti o con lo sbattitore elettrico per 2 minuti sino ad ottenere una pasta morbida ed omogenera.

- Versare l'impasto nella tortiera imburrata e infarinata (o in qualsiasi altro stampo).

- Cuocere nel forno caldo a 160° per circa 30 minuti.

- Una volta tolto il dolce dal forno aspettare 10 minuti e poi toglierlo dallo stampo.




L'avevo detto che come dolce è davvero semplice da fare....

....ma vi avverto che è altrettanto semplice finirlo!!!! *_*



domenica 6 gennaio 2013

Buona epifania

Oddio oddio... non mi parlate di dolci......
Nei vari blog ho visto che avete continuato a preparare un'infinità di prelibatezze.... ma come fate??? e pensare che qui in casa se ne mangiano davvero pochissimi.
A me solo il pensiero di prendere in mano burro.. zucchero... cioccolata... mi uccide!
Non ce la posso ancora fare!
In più sono arrivate due calzette piene piene di dolci che mi basteranno per i prossimi mesi.




Forse non l'ho scritto, ma Babbo Natale quest'anno mi ha portato la macchina da cucire Singer che tanto desideravo.. dopo diversi anni che gliela chiedevo nella letterina, finalmente quest'anno si è deciso!! *_*

Ci tenevo a farvi vedere la prima cosa che ho realizzato.. la calzetta per la mia dolce metà!
Non è carinissima? (si... me lo dico da sola)








Beh... purtroppo si sa che l'epifania tutte le feste porta via, ma perché non si porta via anche la ciccia messa su durante le feste? ^_^