lunedì 10 giugno 2013

Torta di riso salata alla ligure

Oggi, visto che io la collego all'estate e il caldo (forse) si è deciso ad arrivare, ho preparato la torta di riso salata alla ligure, tipica delle mie zona essendo io spezzina.
Si può fare con o senza sfoglia intorno e nonostante sia buonissima in qualsiasi stagione, d'estate è l'ideale perché si può preparare alla sera (quando accendere il forno non è poi così tremendo) e il giorno dopo ve la trovate pronta da divorare gustare... da portare in ufficio, da mangiare sotto l'ombrellone al mare, per un picnic o semplicemente per avere qualcosa di pronto in casa se non si ha voglia di cucinare. Se poi la tagliate a cubetti è perfetta per un aperitivo o per un buffet.




Ingredienti (tortiera da 26 cm)

300 gr di riso arborio
50 gr di parmigiano reggiano
40 gr di pecorino
50 gr di burro
3 uova
150 ml di latte intero
q.b. sale e pepe nero (tanto pepe)
q.b. pan grattato
olio extravergine d'oliva






- Cuocete il riso in acqua bollente salata e poi trasferitelo in una ciotola a raffreddare (se volete che la torta sia bassa bassa riducete la quantità del riso a 200gr)

- Aggiungere al riso ormai freddo le uova, il parmigiano, il pecorino, il burro fuso e regolatevi con il latte per la consistenza... il composto deve essere abbastanza cremoso ma non completamente liquido perché in cottura la parte liquida si rapprenderà compattando il tutto, ma non eccessivamente.

- Assaggiare se il composto sa di sale ed eventualmente aggiungerne un pizzico

- Aggiungere una montagna di pepe!! ....vedete nella foto quanti puntini neri ci sono? ^_^

- Versare il composto in una tortiera imburrata e cosparsa con il pan grattato (procedimento uguale a quando si imburra e poi ci si fa attaccare la farina)

- Livellare la superficie con il dorso di un cucchiaio e cospargere con una spolverata di pan grattato e un filo d'olio abbondante.

- Cuocere in forno caldo ventilato a 180-200° per 35-50 minuti
Sulla cottura resto un pò vaga perché molto dipende dal forno.. comunque la torta sarà cotta quando la superficie sarà ben dorata e al tatto si sentirà una crosticina croccante... e anche in questo caso fare la prova con lo stecchino che non si sbaglia mai!
(ah! quando andrete a controllare la torta nel forno vi sembrerà che non sia ancora cotta perchè la parte liquida sta bollendo, ma tirandola fuori dal forno il bollore sparisce subito e questo vi permetterà di valutarne il grado di cottura)



Visto quanto è semplice?

L'ideale è mangiarla fredda con l'insalata e qualche pomodorino, ma volendo proprio esagerare, anche se è già abbastanza sostanziosa, si può tagliare a metà, farcirla con prosciutto cotto e formaggio e riscaldarla leggermente... mmmm!!! *_*




3 commenti:

  1. di riso?? Buona, da provare assolutamente, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Ciao! Grazie di essere passato/a di qui.. sarò felice di ricambiare la tua visita.