giovedì 29 novembre 2012

Muffin marmorizzati con latticello

Buongiornoooooooo!
come ho già detto tante volte... è sempre un buon giorno se si inizia mangiando un muffin! *_*
Ammetto che questo è stato un vero e proprio esperimento, ma ammetto anche che è riuscito molto bene.. volevo usare un pò di latticello perché ho ancora tante buste che tra qualche mese scadono (io uso questo in polvere della Naturei) e morivo dalla voglia di usare uno degli aromi che mi ha mandato l'azienda FlavourArt.. così ho messo l'aroma al biscotto nella parte chiara e il cacao amaro per la parte scura. Il latticello è proprio speciale.. rende l'impasto sofficissimo!



Ingredienti per 12 muffin

250 gr di farina 00 Molino Chiavazza
140 gr di zucchero di canna
80 ml di olio di semi di arachide
250 ml di latticello
1 uovo
bustina di lievito per dolci S.Martino
q.b. cacao amaro in polvere
un pizzico di sale

20 gocce di aroma biscotto FlavourArt






Come da "regolamento" per la preparazione dei muffin :

- In una ciotola mettere tutti gli ingredienti secchi : farina + lievito setacciati, zucchero di canna e il pizzico di sale.

- In un altra ciotola mettere tutti gli ingredienti liquidi : olio di semi, l'uovo e il latticello (io ho sciolto una bustina in 250ml di acqua) e sbattere, non montare, con una forchetta per far amalgamare l'uovo al resto.

- Versare gli ingredienti liquidi su quelli secchi e con una spatola (o con le fruste elettriche se volete fare prima) mescolare bene tutto il composto fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.

- Separare l'impasto in due parti. Per la proporzione decidete voi se volete più impasto chiaro o impasto scuro o dividetelo a metà così avete risolto il problema! ^_^

- Nell'impasto chiaro mettere l'aroma che preferite. Io ho scelto di usare quello al biscotto in gocce, ma si può usare la buccia del limone grattugiata, la vaniglia, la vanillina...

- Nell'altra parte di impasto mettete il cacao amaro.. ho messo q.b. perché dipende molto da quanto uno lo vuole "cioccolatoso".. io ho messo 2 cucchiai di cacao amaro in polvere setacciato ed è venuto moooolto cioccolatoso.

- Versate nei pirottini, aiutandovi con un cucchiaio, l'impasto chiaro.

- Colateci sopra l'impasto al cioccolato. Ovviamente entrambi gli impasti vanno divisi per i 12 muffin.

- Prendete una forchetta, infilatela con le punte nell'impasto dentro il pirottino e fate dei movimenti a spirale... questo servirà a dare l'effetto "marmorizzato" (come nella ciambella!).

- Cuocete nel forno caldo ventilato a 180° per 20-25 minuti... controllate con lo stecchino e se vi saranno venuti degli ottimi muffin ve ne accorgerete anche dalla superficie... che si sarà crepata.





lunedì 26 novembre 2012

Castagnaccio con le noci

L'anno scorso avevo fatto il castagnaccio in modo tradizionale (lo potete vedere qui) solo con uvetta e pinoli... ma girando nel web ho visto che in realtà ci sono delle varianti.. c'è chi usa il latte al posto dell'acqua (???) e chi arricchisce il tutto con frutta secca di vario tipo.
Avendo pochi pinoli ho deciso di provare ad arricchire il mio castagnaccio con qualche noce...
ah! ovviamente l'uvetta e i pinoli io li metto anche nell'impasto, non solo sulla superficie come decorazione.. sennò che gusto c'è? ^_^




Ingredienti
(per una teglia di 21x28 cm)

250 gr di farina di castagne
400 ml di acqua
80 gr di uvetta
50 gr di pinoli sgusciati
30 gr di noci sgusciate
un grosso pizzico di sale
q.b olio extravergine d'oliva
q.b. rosmarino






Rispetto alla ricetta vecchia ho cambiato un pò le dosi e i tempi di cottura.

- Mettere l'uvetta in ammollo in acqua tiepida per circa mezz'ora.

- In una ciotola mettere la farina di castagne e il sale precedentemente setacciati.

- Aggiungere gradatamente l'acqua e con l'aiuto delle fruste elettriche mescolare il tutto fino ad ottenere una pastella non troppo liquida... in questa fase regolarsi con l'acqua : in base al tipo di farina può volercene di più o di meno. L'impasto deve essere cremoso.. diciamo che se lo tirate su con un cucchiaio deve "scrivere".

- Unire i pinoli, le noci fatte a pezzetti e l'uvetta ben strizzata dall'acqua.
ATTENZIONE! Ricordarsi di tenerne una parte per decorare la superficie.

- Ungere la teglia con abbondante olio e versare al suo interno l'impasto.

- Cospargere la superficie con l'uvetta, i pinoli e le noci tenute da parte... se vi piace aggiungete anche qualche pezzetto di rosmarino fresco ben lavato e passate su tutto con un filo d'olio.

- Cuocere in forno caldo ventilato a 180° per 40 minuti circa... vi accorgerete che il castagnaccio sarà quasi pronto quando la superficie si inizierà a crepare... attenzione a non farlo diventare troppo secco!




mercoledì 21 novembre 2012

Hosomaki

La prima volta che ho mangiato sushi non mi ricordo a quando risale.. forse ad un paio d'anni fa.
Non so perché non mi era mai capitato di assaggiarlo.. beh.. fatto sta che da quel momento non ho più smesso, nonostante il prezzo abbastanza elevato di una sushi-cena al ristorante non mi permetta di mangiarlo tutte le volte che vorrei.

Avrò pensato mille volte che sarebbe stato moooolto bello poterselo fare in casa, con ingredienti sicuramente più freschi e scelti di quelli che ti danno al ristorante, ma non so perché tutte le volte c'era qualcosa che mi demotivava, forse il fatto che a primo impatto le cose necessarie al supermercato sembrano costare molto o forse il fatto che in casa basta dire la parola sushi e tutti iniziano a dire "bleah" .. "io non mangio pesce crudo" ... "oddio quelle alghe" ... ecc ecc... ma un giorno riuscirò a farglielo assaggiare, con il cibo cinese ci sono riuscita (giusto un paio di volte).

Grazie alla mia nuova coinquilina che ha lanciato l'idea (avendolo lei già preparato in passato) di fare una cena casalinga a base di sushi... ho realizzato i miei primi rotolini d'alga tutti home made.
Lei che è vegetariana si è occupata dei rotoli con l'avocado, invece io mi sono dedicata allo sfilettamento del pesce.

Tutte le volte che vado a mangiare sushi, mi metto lì e provo a ricordarmi tutte i vari tipi come si chiamano.. risultato? tutte le volte sono punto e a capo.
Quelli che abbiamo preparato noi dovrebbero essere gli HOSOMAKI perché all'interno contengono un solo ingrediente a differenze dei FUTOMAKI che contengono due-tre ripieni diversi.



Ingredienti :

Alghe nori
Riso per sushi
Avocado maturo
Filetto di tonno fresco
Filetto di salmone fresco


Condimenti :

salsa di soia
wasabi in pasta





Le foto non sono un granché perché come ho già detto forse altre volte... a Pisa vengono tutte sul giallo! Ho cercato di farle il meglio possibile per far capire bene tutti i vari passaggi.

- La prima cosa da fare, con almeno un'ora di anticipo, è cuocere il riso.
Noi abbiamo usato quello Arnaboldi ed era molto buono. Per prepararlo bisogna seguire le istruzioni presenti sulla confezione : "Versa in una casseruola (del diametro di circa 24-26 cm) 625 ml di acqua, e il riso. Copri la pentola e cuoci a fuoco medio fino a che l\'acqua non inizia a bollire. Quando bolle abbassa la fiamma e prosegui la cottura per 15 minuti fino a completo riassorbimento dell\'acqua. Mantieni sempre la pentola coperta durante la cottura del riso. A fine cottura puoi aggiungere, prima di toglierlo dal fuoco, 1 bicchierino di sakè per dare al riso un particolare profumo. Copri il riso con un panno e lascialo raffreddare quindi aggiungi 2 cucchiai di aceto e 2 cucchiaini di zucchero e mescolalo delicatamente. A questo punto la base di riso per il sushi è pronta."


- Sfilettare il pesce (noi abbiamo scelto tonno e salmone) e tagliarlo a striscioline larghe circa 1 cm e lunghe in base al pezzo che state tagliando.. tanto poi si potranno sovrapporre senza alcun problema. Se si usa l'avocado è meglio tagliarlo lì per lì quando si mette sul riso, altrimenti annerisce subito.



- A questo punto prendere un foglio di alga (anche in questo caso abbiamo scelto quelle Arnaboldi) e noterete subito che ci sono delle righe incise.. ecco... giratelo in modo che queste siano poi nel verso dell'arrotolamento, cioè orizzontalmente di fronte a voi.
Prendere con le mani inumidite un pochino di riso e "spalmarlo" sul foglio d'alga.. spalmarlo nel senso che dovrà essere ben distribuito e dovrà formare uno strato sottilissimo; ricordarsi che è necessario lasciare una striscia di alga di circa 1 cm libera dal riso... permetterà di sigillare il rotolo! Mettere sul lato opposto allo spazio lasciato vuoto pezzi dell'ingrediente scelto (tonno o salmone o avocado) per tutta la lunghezza dell'alga.

- Inumidirsi la punta delle dita ed iniziare ad arrotolare l'alga partendo da dove abbiamo messo il ripieno. E' importante stringere mentre si arrotola, così alla fine sarà tutto molto compatto e il taglio sarà semplicissimo.
Quando si arriva alla fine... inumidire bene bene la striscia d'alga libera dal riso e chiudere il rotolo.
Adagiare i rotoli su un piatto via via che si fanno, lasciando sotto la chiusura in modo che si sigillino ulteriormente.















- A questo punto non vi resta che prendere un rotolo e con un coltello ben affilato tagliarlo a fette spesse circa 3cm... considerate che per ogni foglio di alga dovrebbero venire 6 pezzi di hosomaki.

- Mettetere tutti gli hosomaki su un vassoio mescolando i colori.
Non dimenticarsi di riempire delle ciotoline con la salsa di soia e di mettere a disposizione della pasta wasabi per i più coraggiosi!




Spero di aver spiegato bene i vari passaggi... sembra che ci voglia esperienza e tanto tempo, ma in realtà è davvero semplice.

Per darvi un'idea del costo, noi abbiamo speso 20 euro (comprando tutto) sfamando 7 persone e mangiando solo questo per cena. Sono venuti fuori davvero tantissimi hosomaki! *_*




lunedì 19 novembre 2012

Book & Cook... contest chiuso!


Buongiorno!!!

Dopo quasi due mesi, ieri alle 23.59 si è chiuso Book&Cook che devo ammettere mi ha dato davvero tantissime soddisfazioni, perché il tema mi piaceva molto e speravo davvero che riuscisse ad appassionare anche voi...

...non avrei mai pensato di ricevere così tante partecipazioni... in tutto ho ricevuto 50 ricette... GRAZIE!



Adesso cosa succede???

- ognuno dei giudici creerà una classifica personale basandosi su diversi aspetti che vanno dalla composizione e presentazione del piatto, alla fedeltà o creatività rispetto a quanto letto nel romanzo (o poesia o racconto o favola o fumetto).. poi ci diremo il nome della nostra ricetta preferita e metteremo le tre ricette scelte di nuovo ai voti... penso che per il risultato ci vorrà almeno una settimana!

- volevo mettere la foto del premio ma viene sempre malissimo. Ho scelto un grembiule coordinato alle presine sui toni del blu/azzurro con tante carinissime farfalle... chiederò poi alla vincitrice di farci una foto che io poi inserirò nel post.

- realizzerò un pdf con tutte le ricette partecipanti. Ovviamente la raccolta sarà sempre consultabile dalla pagina principale del mio blog! Mi resta da capire come inserire un pdf online! ^_^

- leggerò il romanzo (o poesia o racconto o favola o fumetto) della ricetta vincitrice e proverò a realizzarla anch'io.. ovviamente dedicandogli un post.



Beh... non mi resta che augurare buona fortuna a tutti!!!





lunedì 12 novembre 2012

Krumiri di riso

Si è capito che Luca Montersino è una delle mie grandi passioni?
Dopo tanto tempo, quando lo guardo rimango ancora incantata ad osservare la calma e la precisione che mette nel realizzare tutto quello che fa..

I krumiri... non so perché, ma da bambina mi facevano ridere... chissà cosa mi passava per la testa! ^_^    ora che non mi fanno più ridere.. mi limito a mangiarli!

Se non si era capito, la ricetta (non la spiegazione del procedimento che è scritta a mio modo) è di Luca Montersino presa dal libro "Croissant e biscotti"... la farina di riso dona ai krumiri una consistenza molto particolare. I miei non sono venuti molto "cilindrici", ma piuttosto piatti... vi assicuro che il sapore non ne ha risentito!




Ingredienti
(io rispetto al libro ho fatto mezza dose)

152 gr di burro
170 gr di zucchero a velo
15 gr di miele di castagno
20 gr di uova
11 gr di tuorli
100 gr di latte intero fresco
437 gr di farina di riso
3,8 gr di lievito per dolci






- In una ciotola, usando le fruste elettriche o la planetaria, lavorare il burro con lo zucchero a velo e il miele.

- Aggiungere i tuorli precedentemente uniti alle uova intere e al latte freddo continuando a mescolare

- Unire poi il sale e il lievito in polvere.

- Incorporare infine la farina di riso gradatamente e amalgamare bene il tutto.

- Mettere l'impasto in una sac à poche con la bocchetta stellata/dentellata.

- Foderare una teglia di carta da forno e creare delle strisce di impasto lunghe 5-6 cm.

- Cuocere in forno caldo ventilato a 180° per 12 - 15 minuti circa.



mercoledì 7 novembre 2012

Tortini zucca e nocciole

La zucca ...... penso sia una situazione comune a molti avere in questo periodo zucca su zucca da smaltire e sinceramente ho provato a dare un freno a mia nonna che altrimenti tutti i giorni farebbe il risotto alla zucca.. che è buonissimo eh... ma tutti i giorni no!

Ecco un'alternativa dolce per la fase "smaltimento zucca" ... tortini che poi in realtà hanno un impasto simile ai muffin.. arricchiti dalla croccantezza della granella di nocciole che li rende leggermente più saporiti avendo la zucca un sapore molto delicato, anche se è vero (come dice la mia dolce metà) che quando metti le nocciole da qualche parte.. poi tutto sa di nocciole! ^_^




Ingredienti per 12 tortini

90 gr di zucchero semolato
200 gr di polpa di zucca
50 gr di burro
1 uovo
3 cucchiai di granella di nocciole
q.b. granella di nocciole per decorare







- Mettere la zucca pulita (da semi e buccia) tagliata a pezzi in un pentolino pieno d'acqua e far cuocere per circa 20 minuti... fino a che non sarà diventata tenera.

- Una volta cotta, scolarla e ancora calda metterla in un bicchiere e ridurla in polpa con il frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema perfettamente liscia. 
Tenere da parte mentre si raffredda.

- In una ciotola sbattere, con l'aiuto delle fruste elettriche, l'uovo con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

- Unire il burro fuso e la polpa di zucca (ormai tiepida) e mescolare bene.

- Aggiungere gradatamente, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per non far smontare il tutto, la farina setacciata con il lievito e la granella di nocciole... amalgamare bene.

- In una teglia da muffin, disporre i pirottini di carta e riempirli con l'impasto per metà.. cospargere poi la superficie con altra granella di nocciole.. oppure con granella di zucchero.

- Cuocere nel forno caldo ventilato a 180° per 25-30 minuti circa... verificare sempre l'avvenuta cottura con lo stecchino!






Con questa ricetta partecipo al contest di Una fetta di paradiso




a quello di Staffetta in cucina




e infine a quello di Essenza in cucina





sabato 3 novembre 2012

Budino cioccolato fondente e arancia

Sapevo che non avrei resistito molto.. ma non riuscivo a guardare quella scatola piena di cose buone da preparare che mi guardavano dicendo "scegli me!" "scegli me!" ... per chi non avesse letto il post di qualche giorno fa sto parlando del pacco di inizio collaborazione che mi è arrivato dalla S.Martino.
Beh alla fine la meglio l'ha avuta il PREPARATO PER BUDINO AL CIOCCOLATO CON SUCCO D'ARANCIA... a questo abbinamento di sapori proprio non so resistere.






Ingredienti per 4 porzioni (1 busta) :

1 preparato per budino al cioccolato e arancia S.Martino
3 cucchiai di zucchero semolato
500 ml di latte intero


stampo a rose - Silikomart







La preparazione è semplicissima :

- versare il contenuto di una busta (perché nella confezione ce ne sono due) in una casseruola insieme allo zucchero semolato.

- aggiungere gradatamente il latte mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi.

- accendere il fuoco e far bollire per circa 3 minuti mescolando continuamente.

- versare in uno stampo unico o in più stampini (io ho usato lo stampo a rose della Silikomart) inumiditi con acqua.

- lasciare raffreddare completamente prima di capovolgerlo sul piattino.... può essere servito anche tiepido.

- conservare in frigorifero fino al consumo.


Sinceramente non ricordo se avevo già provato questo preparato in particolare, però posso dirvi che non mi ricordavo che il budino fatto con il cioccolato fondente 70% fosse così gustoso e se poi ci si unisce il sapore delicato, ma inconfondibile del succo d'arancia.... beh... il risultato è un dessert con i fiocchi, che preparato in pochissimi minuti è in grado di far fare un figurone a chiunque (anche ai meno pratici in cucina), ma soprattutto se si tiene di scorta in casa, ti permette di portare in tavola un fine pasto per niente banale.

Ho voluto impreziosire il tutto usando questo stampo della Silikomart che a me piace moltissimo.


----------------