sabato 3 marzo 2012

Anko

Marzo inizia nel mio blog con qualcosa di giapponese!
Ho trovato ispirazione nel blog Una gatta in cucina (andatela a trovare perché ha bisogno di farsi conoscere.. ci siamo passati tutti no?).. dove ho trovato la sua ricetta dei Dorayaki e siccome amo il Giappone, mi sono messa subito all'opera.
Questo post è dedicato a l'ANKO... wikipedia dice "L'anko è una marmellata preparata con un tipo particolare di fagioli di soia rossi, gli azuki. Questi legumi presentano un sapore dolciastro che si presta alla preparazione di marmellate e altri dolci. L'anko è ampiamente utilizzata nella cucina giapponese come ripieno di alcuni dolci, come ad esempio i daifuku, i taiyaki o i dorayaki, talvolta anche come condimento per il gelato."
Le versioni sono due :
1) Koshian : perfettamente amalgamata ed omogenea
2) Tsubuan : consistente e ruvida, con pezzi di fagioli (questa è la tipica farcitura dei Dorayaki)


Fagioli rossi Azuki - soia rossa




Ingredienti :
200 gr di fagioli Azuki
200 gr di zucchero
acqua
un pizzico di sale






Quanto sono belli questi fagiolini tutti rossi? sono piccolissimi.. 5 mm al massimo..
Quando ho letto la ricetta mi sono subito demoralizzata pensando che non avrei mai trovato questi fagioli vicino a casa mia, ma un tentativo l'ho fatto.. al mercato c'è un banco che vende tutte le farine e i legumi..... e ce li avevaaaaaaaaaaa!


La preparazione è un po' lunga, ma ne vale la pena.
Rispetto alla ricetta che ho trovato (più o meno la stessa ovunque) e che pubblico, aggiungerò anche delle osservazioni di cui terrò conto la prossima volta.. dopotutto sbagliando si impara no?


- Lavare bene i fagioli con acqua corrente 3 - 4 volte.


- Metterli in ammollo in una pentola per 6 ore.
1° osservazione : dopo 6 ore i fagioli erano ancora molto duri e solo dopo (non avendola mai fatta) mi sono accorta che non si sarebbero sfatti.. infatti nella mia marmellata i pezzetti di fagioli non sono morbidissimi... quindi secondo me è il caso di tenerli ammollo anche tutta la notte.. 10 ore più o meno.


- Trascorso il tempo necessario, con la stessa acqua accendere il fuoco e portare a bollore.


- Far bollire i fagioli per 10 minuti circa. Spegnere il fuoco e scolare l'acqua.


- Rimettere i fagioli nella pentola e coprire con l'acqua per il doppio della loro altezza. 
Se il fondo di fagioli è alto 1 cm.. bisogna aggiungere 2 cm di acqua... per un totale di 3 cm.
Ho fatto la prova e si può fare anche così (i cm alla fine tornano) : pesare i fagioli dopo averli scolati.. es. se pesano 150 gr... mettere nella pentola 300 gr di acqua.


- Aggiungere anche un terzo dello zucchero e accendere il fuoco.


- Prima che tutta l'acqua venga assorbita, aggiungere lo zucchero rimanente in più volte e mescolare spesso.


- Il composto deve essere denso, ma un po' di liquido deve rimanerci.
A me in totale ci sono volute 2 oreeeeee... per questo dico che secondo me in ammollo dovevano starci molto più tempo.


- Assaggiare il composto e se va bene aggiungere un pizzico di sale e mescolare bene. Spegnere il fuoco.


- Lasciare riposare per 10 ore dentro la pentola.


- Ora è pronta all'uso.. si può usare subito o si può conservare in frigorifero dentro ai vasetti come una normalissima marmellata!



Anko


NON CONTENTA HO RIPROVATO SUBITO A FARE LA MARMELLATA E HO PROVATO A TENERE I FAGIOLI IN AMMOLLO 24 ORE (volevo proprio vedere se non si ammorbidivano!!) E DOPO UN'ORA DI COTTURA PER FAR ASCIUGARE TUTTA L'ACQUA... LA MARMELLATA E' VENUTA BENISSIMO E I FAGIOLI SI SONO SFATTI SENZA NESSUNA FATICA!!!!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie di essere passato/a di qui.. sarò felice di ricambiare la tua visita.